Il prete - Lacrimedamore

" Se non puoi essere una stella nel cielo, sii almeno una stella nella tua casa"
PRIMO PIANO
PERCORSI
MUSICALS
SANTUARIO
Vai ai contenuti

CHI E’ IL PRETE?

Per gli assidui alla messa è l’uomo di Dio; per i lontani è un funzionario della religione.
Per alcuni è un solitario egoista, per altri è l’uomo di tutti e altruista.
Alcuni lo benedicono, altri lo maledicono, tutti pretendono di giudicarlo.
Se parla con i ricchi è un capitalista; se sta con i poveri è un comunista.
Se ha un volto gentile è un gaudente; se è pensoso è un eterno insoddisfatto!
Se è bello :”Perchè non si è sposato?”....  Se è brutto :”nessuno l’ha voluto!”
Se va all’osteria è un beone. Se sta in casa è un fannullone.
Se va in clergyman è un uomo di mondo. Se veste con la tonaca è un conservatore.
Se è grasso non si lascia mancar niente; se è magro è un avaro sicuramente!
Se predica più di dieci minuti,non finisce più; se resta breve :non sa dire proprio niente.
Se ha i capelli lunghi è un contestatore. Se ha i capelli corti è un sorpassato.
Se battezza e sposa tutti,strapazza i sacramenti; se è piuttosto esigente:allontana tutta la gente.
Se parla e fa visite ai parrocchiani :non è mai in casa...
Se sta in chiesa :non si interessa mai di nessuno; se non organizza delle feste:non si fa mai nulla.
Se parla di contemplazione di Dio: è un astratto; se parla di problemi pratici: è un materialista.
Se ha il consiglio pastorale: si lascia menare per il naso; se non lo ha:è un prete autoritario e clericale.
Se cita il concilio è un prete troppo moderno, se parla di catechismo è un prete ancora tridentino.
Se è giovane non ha esperienza; se è anziano: farebbe bene ad andare in pensione.
Ma poi, se muore…. chi lo sostituirà?


Torna ai contenuti